DC Comics Wiki
Advertisement
DC Comics Wiki
Batman: Anno Zero
Annozero.jpg
General Information
Storie Totali: 25
Data di Plubicazione: Marzo 2014
Creatori: Greg Capullo

Scott Snyder

Batman: Anno Zero (Batman: Zero Year) è una saga-evento del 2014 creata da Scott Snyder e Greg Capullo che riscrive le origini del Cavaliere Oscuro e dei suoi comprimari dopo l'avvento dei The New 52. 

Trama[]

Città Segreta[]

Parte 1[]

  • 'Batman #23'

Bruce Wayne ,travestito da un'altra persona, affronta la gang di Cappuccio Rosso e salva i suoi ostaggi. Tornato a Villa Wayne ,mentre si allena, afferma che nessuno conosce il vero volto del leader, che li obbliga a far parte del gruppo, ricattandoli. In pratica potrebbe trovarsi contro madri o padri di famiglia che non si conoscono tra loro che sono obbligati a combattere per la vita dei suoi figli.

Mentre si allena con i pesi bussano alla porta. Lo zio Philip Kane (fratello di Martha Kane) rivela di sapere che il nipote era ancora vivo dato che aveva messo a spiare Alfred. Bruce e suo zio materno vanno in macchina e l'uomo afferma che ,nonostante anni di scandali, la Kane Chemicals è entrata a far parte della Wayne Enterprises e chiede se Bruce vuole entrare a vedere come va avanti l'azienda di famiglia. Il ragazzo rifiuta e vede un penny gigante che ha restaurato lo stesso zio.

Bruce ,a casa, ha un flashback e ricorda il padre che stava aggiustando una macchina, anche se lo stesso padre afferma che non è un bravo meccanico, e da una palla creata da Lucius Fox "capace di vedere il futuro". Il piccolo Bruce è scettico e il padre gli rivela che in reltà la palla è collegata a un telecamera e viene usata dai pompiere e forze dell'ordine per vedere cosa succede, per esempio, durante un incendio e per salvare case e addirittura interi villagi.

Tornati al presente ,Philip Kane, parla con il suo stratega per far crescere le sue aziende e afferma che Cappuccio Rosso e i suoi uomini stanno rubando parte della società. Inoltre Gotham odia i Kane. Lo stratega ,in mezzo a una rete di fili con attaccate deile note, afferma che questa non è una semplice domanda ,ma un enigma. Philip perde la pazienza e urla il nome dell'uomo che si rivela essere Edward Nygma. Eddie dice così che la risposta più semplice in questo caso è uccidere Bruce Wayne.

Parte 2[]

Parte 3[]

Città Oscura[]

Parte 1[]

Parte 2[]

Parte 3[]

Parte 4[]

Parte 5[]

Città Selvaggia[]

Parte 1[]

Parte 2[]

Parte 3[]

Parte 4[]

Personaggi[]

Città Segreta[]

Eroi[]

Alleati[]

Antagonisti[]

Altri Personaggi[]

  • Thomas Wayne (flashback)
  • Martha Kane (flashback)
  • Luca Falcone
  • Vicki Vale
  • Lucius Fox (solo citato)

Città Oscura[]

Eroi[]

Alleati[]

Antagonisti[]

  • Cappuccio Rosso
  • Gang di Cappuccio Rosso
  • Enigmista
  • Cappuccio Rosso Sesto Sette
  • Dr. Morte
  • Commissario Loeb
  • Dan Corrigan (solo flashback)

Altri Personaggi

  • Sebastian Hady (solo in foto)
  • Liam Distal (solo corpo)
  • Harvey Dent (solo citato)
  • Beth Kane (solo in foto)
  • Cameron Kane (solo in foto)
  • Jacob Kane (solo in foto)
  • Kate Kane (solo in foto)
  • Pamela Isley
  • Dr. Bill Kelver (solo corpo)
  • Dr. Del Paji (solo corpo)
  • Dr. Deeds
  • Dr. Booker
  • Dr. William Kelver
  • Barbara Gordon

Città Selvaggia[]

Eroi[]

Alleati[]

Antagonisti[]

Altri Personaggi[]

Storie annesse[]

Trivia[]

  • Il cognome della madre di Bruce prima di sposarsi con Thomas e della sua famiglia ,Kane, è un omaggio al creatore di Batman Bob Kane.

BATMAN: ANNO ZERO DIRECTOR'S CUT[]

Avevo undici anni quando ho scoperto che Gotham City era una città vera e che io ci vivevo. Il fumetto che mi ha aperto gli occhi è stato BATMAN: ANNO UNO, di Frank Miller. Raccontava le origini di Batman, una storia che conoscevo già bene ,nonostante la mia tenera età: la storia di un ragazzo di cui i genitori vengono ammazzati di notte in un vicolo, un ragazzo che a causa di questa tragedia, da quel momento in poi, giurerà di combattere il crimine per evitare che qualcun altro soffra come ha sofferto lui. Ma anche se conoscevo la storia, prima di leggere quel fumetto non l'avevo mai davvero "sentita", non l'avevo mai vissuta. Ed ecco che, all'improvviso, su quelle pagine potevo vedere una Gotham City che riconoscevo fin troppo bene. Gli angoli delle strade sommersi di spazzatura, il crimine, le gang, i graffiti, il marciume. Essendo cresciuto nella Manhattan deggli anni '80, vedevo scene del genere intorno a me continuamente. Si trattava di scorci di vita cittadina con cui avevo familiarità e che mi spaventavano, tanto che avvolte vivere a New York mi faceva davvero paura. Ed ecco comparire, tutto ad un tratto, Batman. Non era il Batman assurdamente muscoloso, sorridente e pieno di gadget fantasiosi che avevo imparato a conoscere nei fumetti che avevo letto fino a quel momento. Ma un Batman umano ed eroico, e allo stesso tempo terrificante. ANNO UNO, per quanto fosse una storia controversa, ha riscritto la storia di Batman rendendola molto più realistica rispetto al passato e, per quel che mi riguarda, stimolante. Perché ciò che Batman affermava, attraverso la sua presenza folle e meravigliosa, in quella città così vivida e reale, era questo: affronta sempre le tue paure, qui e ora. Sii un eroe.

Ora sono passati 25 anni, la città è cambiata drasticamente. Certo i vecchi problemi ci sono ancora tutti, magari si sono evoluti, ma sono pronto a giurare per la maggior parte di noi vivere o lavorare a New York crei paure di tipo diverso. Nel bene e nel male, la New York non è più la città degli anni '80 del secolo scorso. Il centro, che quando ero ragazzo era marcio e decadente, ora è un luogo accecante e pieno di luce. La metropolitana è più pulita. Central Park è più sicuro. Ci sono ancora le gang, la droga e il crimine, ma mi sembra (magari mi sbaglio, ma la sensazione è questa) che le grandi paure, gli incubi che coinvolgono oggi la società abbiano più a che fare con la minaccia di atti di violenza cieca insensata e corporea. L'attacco casuale che potrebbe da un momento all'altro fare esplodere una stazione di metropolitana o colpire un palazzo. Le sirene e le grida in una giornata di sole. E a noi ,e a tutto lo staff che lavora che lavora sulla serie BATMAN e che vive a New York, sembrava giunto il momento di rinarrare ancora una volta le origini del Pipistrello. Raccontare la storia di quel ragazzo, di quel vicolo e di quella notte fatidica, ma in un modo che avvicini Gotham e Batman alla realtà dei lettori di oggi. Questo stiamo cercando di realizzare con BATMAN: ANNO ZERO. E non lo facciamo perché siamo convinti che ad ANNO UNO manchi qualcosa: quella storia è un capolavoro, in tutto e per tutto. Lo facciamo perché sentiamo che è giunta l'ora di raccontare quella vecchia storia in un modo nuovo, un modo che non si è mai visto prima d'ora, un modo che (speriamo) riuscirà a mettere in luce le nostre paure e speranze di newyorchesi. Perché la verità è che anche voi vivete a Gotham. Tutti ci viviamo. E quello che Batman dovrebbe essere in grado di ricordarci sempre mentre plana sopra le nostre teste tutte le notte e che questa è la nostra città e non dovremmo avere paura di lei. Dovremmo invece essere coraggiosi, sempre e lottare per lei.

-Scott Snyder 2013

Advertisement