DC Comics Wiki
Advertisement
DC Comics Wiki

"Le regole di Gotham" è il primo episodio della prima stagione di Gotham. E' uscito per la prima volta il 22 settembre 2014.

Sinossi[]

Una nuova recluta del dipartimento di polizia di Gotham City guidato da Sarah Essen, il detective James Gordon, fa coppia con il poliziotto Harvey Bullock per risolvere uno dei casi di più alto profilo a cui Gotham abbia mai assistito: l'omicidio dei coniugi Thomas e Martha Wayne. Durante la sua indagine Gordon incontra il figlio dei Wayne, Bruce, ora affidato alle cure del maggiordomo Alfred, che spinge ulteriormente Gordon a voler catturare l'assassino. Lungo la strada per risolvere il delitto, il detective dovrà affrontare il boss criminale Fish Mooney e molti dei futuri villain di Gotham come Oswald Cobblepot e Selina Kyle. Inoltre Gordon stringerà un'improbabile amicizia con Bruce che contribuirà a plasmare il futuro del ragazzino per diventare il Cavaliere Oscuro.

Trama[]

Selina Kyle prowling the rooftops of Gotham

Selina Kyle si aggira per i tetti di Gotham.

La giovane Selina Kyle si aggira sui tetti di Gotham City, fermandosi accanto a un doccione prima di saltare sulle strade sottostanti. Cammina per un marciapiede affollato ed estrae un coltello con cui taglia il fondo di un sacchetto della spesa di una donna, rubandole un cartone di latte. Continuando la sua strada, borseggia un uomo il quale però se ne accorge e inizia a ricorrerla. La ragazza riesce a scappare salendo su una scala antincendio nelle vicinanze e fuggendo in un vicolo vicino, dove versa del latte per un gatto randagio. Subito dopo si accorge di una famiglia che sta camminando per il vicolo e si affretta a nascondersi su un'altra scala antincendio.

Famiglia Wayne

La Famiglia Wayne lascia il musical.

Discutendo del musical che hanno appena visto, la famiglia continua ad avvicinarsi; la madre Martha chiede a suo figlio Bruce cosa ne pensi e lui risponde, ridendo, che concorda con suo padre sul fatto che fosse un po' noioso. La madre li chiama scherzosamente "criticoni" ma, in quel momento, appare un uomo mascherato che estrae una pistola e intima al padre Thomas di dargli il portafogli. Thomas si arrende senza discussioni e il criminale chiede anche la collana di perle di Martha, strappandogliela dal collo con tanta violenza che il filo si rompe. Prima che le perle termino di cadere a terra, il rapinatore spara prima al padre poi alla madre, puntando infine la pistola anche su Bruce per qualche momento, prima di scappare. Stordito, il ragazzino cerca di risvegliare i genitori ma, dopo essersi accorto di avere le mani intrise del loro sangue, capisce che sono morti e cade in ginocchio disperato mettendosi a urlare.

Al GCPD-0

Gordon rassicura il criminale che andrà tutto bene.

Al Dipartimento di Polizia di Gotham City (GCPD) un perpetratore viene trascinato in una cella nonostante insista di avere bisogno delle sue pillole. Prima che possa essere chiuso nella sua cella, tuttavia, riesce a rubare la pistola all'ufficiale che lo sta scortando e la prende in ostaggio puntandogliela alla testa. Subito ogni poliziotto del distretto estrae la propria pistola e mira all'uomo; tuttavia interviene il detective Jim Gordon che dice ai colleghi di non sparare, afferrando una bottiglietta di aspirine lì vicino. Gordon fa credere all'uomo che siano le sue pillole e quest'ultimo afferra la bottiglietta e ne ingoia parecchie, accorgendosi che non hanno il sapore delle sue medicine ma Gordon approfitta della sua distrazione per disarmarlo. Con l'ostaggio al sicuro, gli altri poliziotti iniziano a picchiare il criminale. Jim cerca di dire loro di andarci piano, ma viene preso da parte e affrontato dal suo partner Harvey Bullock che gli chiede cos'aveva in testa visto che lui e il resto del dipartimento avevano l'uomo sotto tiro e che se qualcuno prende la pistola di un poliziotto dovrebbe essere fucilato. Jim ribatte allora che se si fosse messo a sparare avrebbero aperto tutti il fuoco, scatenando l'inferno. Gordon e Bullock vengono poi salutati da dal sergente Desk che li invia al Distretto del Teatro dove è appena avvenuto un doppio omicidio. Harvey protesta dicendo che il suo turno è quasi finito e Desk sottolinea che "quasi" è la parola chiave.

Bruce e Gordon

Bruce parla al detective Gordon riguardo l'omicidio dei suoi genitori.

Nel vicolo l'ufficiale che ha chiamato per gli omicidi riassume a Bullock quello che è successo, mentre Gordon cerca di entrare in contatto delicatamente con Bruce, chiaramente traumatizzato. La preoccupazione del detective per il ragazzino fa prendere la ferma decisione di Gordon di trovare il colpevole dell'omicidio sebbene Bullock, dopo aver riconosciuto i corpi di Thomas e Martha Wayne, non vuole averci niente a che fare. All'inizio le domande di Gordon fanno nuovamente piangere Bruce, così il detective gli racconta di quando, a pressapoco la sua età, perse suo padre in un incidente a causa di autista ubriaco. Gordon promette quindi al ragazzino che, per quanto il mondo possa sembrare oscuro in quel momento, ci sarebbe stata la luce. Bruce riesce così a raccontare al detective quello che è successo e si rimprovera per non aver fatto nulla per fermare il criminale. Gordon gli dice allora che non ci sarebbe stato nulla che avrebbe potuto fare e gli giura di trovare l'assassino.

In quella un'altra persona passa oltre il nastro della polizia e Bruce gli corre incontro e lo abbraccia, ancora singhiozzando. Gordon va a salutare l'uomo, Alfred Pennyworth, e gli ripete il giuramento fatto al ragazzo. Alfred indovina che il detective deve essere nuovo a Gotham City ma gli augura buona fortuna per il caso. Poi si allontana con Bruce, istruendolo di tenere la testa alta e gli occhi asciutti per non dare nulla ai paparazzi lì presenti.

Bullock, Montoya e Allen

Bullock parla con Montoya e Allen.

Poco dopo, a una tavola calda, Bullock rimprovera Gordon per averli coinvolti nel caso senza prima consultarlo. Gordon chiede quale sia il problema e Bullcok risponde che i Wayne erano le due persone più importanti della città e i detective sfortunati a cui sarebbe stato addossato il caso avrebbero ricevuto un'incredibile pressione dal municipio in giù per risolverlo alla svelta. In quel momento i detective Renee Montoya e Crispus Allen dell'Unità Grandi Crimini entrano nel locale e tentano di persuadere Bullock a passare loro il caso Wayne. Nonostante la ramanzina appena fatta a Gordon, il detective più anziano si irrita al suggerimento di Crispus che sia "spaventato" dal caso e dal suggerimento di Montoya di fare, per una volta, "la cosa giusta" e afferma loro che fosse a pochi centimetri dal cedere loro il caso prima che gli avessero mancato di rispetto.

Tornati al quartier generale del GCPD, nell'ufficio del capitano Sarah Essen, Gordon e Bullock hanno una conferenza stampa tenuta dal sindaco Aubrey James e promettono una rapida giustizia per la famiglia Wayne. Successivamente Bullock chiede di restare un momento solo con il capitano Essen e, appena Gordon esce dalla stanza, chiede di essere assegnato a un altro partner, ma il capitano rifiuta. Dopo aver interrogato senza risultato alcuni rapinatori di strada, Gordon e Bullock tornano al GCPD dove si incontrano con il medico forense Edward Nygma, il quale informa loro che il proiettile estratto dal corpo di Thomas Wayne è un pezzo estremamente costoso. Gordon comincia quindi a dubitare che l'omicidio dei coniugi sia stato un semplice furto di strada finito male.

Bullock convince Gordon ad andare a trovare Fish Mooney, una sottotenente del boss mafioso più potente di Gotham Carmine Falcone, il cui territorio comprende il quartiere teatrale in cui sono stati uccisi i Wayne.

Al Nightclub di Mooney, Bullock saluta Fish e le presenta Gordon; intanto, nel vicolo accanto, il braccio destro di Mooney, Butch Gilzean, permette al giovane Oswald Cobblepot, addetto a reggere l'ombrello della donna, di picchiare Raoul, dipendente di Mooney che stava venendo pestato da Fish per averla derubata. Sentendo le urla provenienti dal vicolo, Gordon va a fermare il pestaggio ma viene fermato da Butch che lo rassicura che si stanno solo divertendo un po', appoggiato anche dallo stesso Raoul che è troppo terrorizzato per dire il contrario. Subito dopo, quando Gordon torna nel club, Bullock saluta Fish non avendo ricevuto alcuna informazione utile.

Più tardi, nell'appartamento della sua fidanzata Barbara Kean, Gordon condivide con lei il procedimento del caso fino a quel momento e ammette che forse è al di fuori della sua portata, sebbene la donna ne dubiti. La notte Gordon riceve una chiamata da Bullock che lo informa di aver trovato una pista.

La mattina i due detective vanno all'appartamento dei Pepper, in quanto Fish li ha informati che l'inquilino Mario Pepper  ha cercato di venderle una collana di perle la cui descrizione corrisponde a quella appartenuta a Martha Wayne. La giovane Ivy Pepper apre loro la porta e i poliziotti le chiedono di parlare con suo padre. Mario afferma di essere stato in casa la notte dell'omicidio dei Wayne e la sua moglie sottomessa e probabilmente maltrattata, Alice, si affretta a confermarlo. Gordon chiede allora se non Mario non abbia nulla in contrario se facessero un'ispezione nell'appartamento per cercare la collana e il criminale, perdendo il controllo, rovescia improvvisamente il tavolo e fugge dalla finestra sui tetti, sparando ai poliziotti quando cercano di fermarlo. Gordon insegue Mario in una fabbrica di capi d'abbigliamento, la cucina di un ristorante cinese e infine lo affronta in un vicolo. Pepper riesce a stenderlo e si prepara a pugnalarlo con un coltello, ma in quella interviene Bullock che spara al malvivente, uccidendolo.

Gordon e Mario Pepper

Gordon combatte Mario Pepper.

Dopo tale avvenimento, il GCPD setaccia l'appartamento di Pepper e trova una cassetta nella quale si trova la collana di perle e una pistola. Durante una conferenza stampa al GCPD, Aubrey James si congratula con Gordon e Bullock per il loro lavoro. Tuttavia, in seguito, Oswald Cobblepot si incontra di nascosto con Montoya e Allen e informa loro che Mario Pepper è stato incastrato per l'omicidio dei Wayne da Mooney e il GCPD.

Funerale

Bruce, Alfred e Aubrey James al funerale di Thomas e Martha.

Al cimitero di Gotham Bruce e Alfred partecipano ai funerali di Thomas e Martha e, all'uscita, Bruce ringrazia Gordon per aver risolto il caso.

Nel frattempo Montoya si incontra con Barbara – sua ex amante – al suo attico e tenta di avvertirla che Gordon e il GCPD hanno incastrato Pepper, sebbene la donna non le creda. Più tardi, Barbara chiede al fidanzato se quello che Renee le ha detto è vero, ma lui nega.

Gordon si confronta con Montoya chiedendole che prova abbia e lei risponde che l'avrebbe visto quando avrebbe sbattuto lui e i suoi amici corrotti al tribunale. Sentendo che c'è qualcosa di sbagliato nella risoluzione del caso dei Wayne, Gordon va nuovamente a trovare Alice Pepper e sua figlia. Alice gli dice che suo marito non era un santo ma non aveva mai ucciso nessuno; Gordon chiede così di vedere le scarpe di Mario e non ne trova nessuna "lucida" come quelle indossate dall'assassino secondo la descrizione di Bruce.

Gordon e Mooney

Gordon parla con Fish Mooney.

Al GCPD Gordon cerca di convincere Bullock su quello che gli ha detto Montoya ma il partner gli intima di considerare chiuso il caso. Jim torna quindi da solo al Nightclub di Mooney per parlare con Fish, accusandola di aver fatto mettere la collana nell'appartamento di Pepper. Lei gli chiede quindi cosa intenda fare e lui risponde con "aspetta e vedrai". Mooney replica che non le piacciono le sorprese e i suoi uomini lo aggrediscono. Gordon riesce a combatterli ma viene steso da Fish alle spalle. Poco dopo Barbara va al GCPD e parla con Harvey chiedendogli se ha visto Jim, visto che è stato fuori più a lungo del solito e non è ancora tornato. Bullock mentendo la rassicura dicendole che sta facendo un appostamento, poi intuendo dove possa trovarsi in realtà.

Bullock si dirige quindi alla macelleria di Mooney dove Gordon è stato portato da Butch e altri uomini di Fish e cerca di salvare il compagno. Alla sua insistenza, Butch chiama Mooney che si trova nel frattempo al suo club ascoltando un cabarettista dilettante. Bullock si fa passare la donna al telefono e le dice che se non avesse lasciato andare Gordon avrebbe dovuto mandare qualcuno sulle sue tracce, sebbene non lo desideri. Fish finge di essere d'accordo ma quando Butch riprende il telefono gli dice furiosamente che Bullock l'ha minacciata e quindi entrambi i detective devono essere uccisi. Mentre Harvey si accinge a liberare il compagno viene steso alle spalle. Dopo che Fish riaggancia il telefono, Oswald le versa del vino e la donna gli chiede di massaggiarle i piedi. Mentre il giovane esegue, Mooney si confida con lui affermando che crede che Don Falcone sta diventando vecchio e debole e quindi suggerisce che qualcuno come lei potrebbe subentrare al suo posto. Oswald dice di essere d'accordo con lei, ma in quella Fish rivela di sapere che è stato lui a tradirla, poiché nessuno al di fuori di lui l'ha vista con la collana di Martha Wayne. Cobblepot nega fermamente, affermando che, se glielo avesse chiesto, si sarebbe anche aperto una vena. La donna, così, prende un coltello e glielo da', dicendogli di dimostrare la sua lealtà e chiamandolo ironicamente "mio piccolo pinguino". Oswald, che detesta tale soprannome, le si lancia contro con il coltello, ma Mooney lo stende colpendolo con una sedia. Subito dopo, in un attacco di rabbia, lo colpisce ripetutamente con una mazza da baseball di metallo ferendolo gravemente alla gamba, sotto lo sguardo inorridito del cabarettista.

Falcone e Butch

Falcone dice a Butch di riferire a Fish che deve chiedergli il permesso prima di uccidere poliziotti.

Nel frattempo, alla macelleria, Gordon e Bullock sono appesi a testa in giù a dei ganci da macellaio e Bullock prova a chiamare Franky, un boia vestito con un cappuccio e una camicia cotta di maglia; l'uomo sceglie una mannaia dal tavolo e avanza verso i detective per ucciderli, ma in quella si apre la porta e un terzetto di uomini armati entra e abbatte gli uomini di Fish tranne Butch. Subito dopo fa il suo ingresso Don Carmine Falcone che dice a Gilzean di riferire a Mooney che, se vuole uccidere dei poliziotti, deve chiedere il suo permesso. Quindi ordina ai suoi uomini di liberare Gordon e Bullock. Poco dopo, Falcone cammina con Jim in un luogo privato e afferma che era un buon amico di suo padre, ammirando la sua integrità e zelo come Procuratore Distrettuale. Gordon ammette che inizialmente sospettava che fosse stato Falcone a far uccidere i Wayne, ma ora è abbastanza sicuro che, se avesse visto giusto, non sarebbe vivo. Il Don dice che non sa chi abbia ucciso i Wayne e, probabilmente, nessuno lo sa, dal momento che probabilmente era solo un criminale di strada a basso costo come sembrava. Ciò che importava è che si mostrasse che la giustizia fosse stata fatta in modo che legge e ordine vengano preservati a Gotham: dopotutto Falcone è un uomo d'affari e sa che l'anarchia li danneggia. Il boss mafioso avverte quindi Gordon che se cercasse di smascherare la corruzione che dilaga per la città e il GCPD la legge e l'ordine si sarebbero disintegrati.

Gordon e Oswald

Gordon dice a Oswald di non farsi più vedere a Gotham.

Più tardi, Gordon e Bullock si dirigono al molo. Harvey apre il baule dell'auto e rivela un ferito e terrorizzato Oswald chiuso al suo interno, poi dice a Gordon che Falcone gli ha ordinato di uccidere Cobblepot per essere sicuro che non dica nulla riguardo alla corruzione. Il detective si rifiuta, ma Bullock gli risponde che, se non lo fa, ha l'ordine di uccidere sia lui sia Oswald. Harvey ammette al partner che gli piace e non gli sarebbe stato facile ucciderlo, ma avrebbe tentato perché l'unica altra alternativa è che Falcone li avrebbe fatti uccidere tutti e tre e forse anche Barbara. Capendo di non avere scelta, Gordon estrae la sua pistola e porta Oswald lungo la fine del molo. Cobblepot cerca di avvertirlo che sta arrivando una terribile guerra poiché i nemici di Falcone percepiscono la sua debolezza e cercheranno di approfittarne. Poi supplica Gordon di potergli fare da spia per prevenire lo spargimento di sangue che sarebbe venuto, ma il detective gli intima di chiudere la bocca e lo fa voltare rivolto verso l'acqua. Oswald implora disperatamente pietà mentre Gordon appoggia la pistola alla parte posteriore della sua testa, preparandosi a ucciderlo. Subito dopo, però, lo avverte a bassa voce di non farsi più vedere a Gotham, poi spara un colpo a vuoto vicino al suo orecchio e lo lascia cadere in acqua. Bullock, dalla sua posizione all'inizio del molo, crede che Gordon abbia svolto il suo lavoro. Successivamente Jim torna all'appartamento di Barbara e i due si abbracciano.

Poco dopo Gordon va a fare visita a Villa Wayne e si allarma nel vedere Bruce sul bordo del tetto, come stesse pensando al suicidio. Appena Alfred esce per accogliere il detective e se ne accorge, intima a Bruce di scendere da lì. Nel soggiorno il ragazzino spiega che non stava pensando di buttarsi giù, ma insegnava a se stesso come vincere la paura. Gordon gli dice che la paura è una buona cosa perché ti dice qual è il tuo limite, poi confessa a Bruce e Alfred che Mario Pepper è stato incastrato, però promettendo nuovamente che avrebbe trovato il vero responsabile; tuttavia, fino ad allora, Bruce non avrebbe dovuto dire nulla per non mettere Gordon e lui stesso in pericolo e il ragazzo concorda.

Sul lato opposto della baia di Gotham, Oswald riesce a emergere dal fiume e si arrampica sulla riva dove si trova un vecchio pescatore. Cobblepot ruba un coltello al pescatore e gli taglia la gola, poi gli prende il panino per mangiarselo, volgendosi a guardare la sua amata città.

Cast[]

Principale[]

Guest[]

  • Richard Kind interpreta il sindaco Aubrey James
  • Drew Powell interpreta Butch Gilzean
  • Daniel Stewart Sherman interpreta Mario Pepper
  • Michael Kostroff interpreta l'ufficiale Tannenbaum
  • Grayson McCouch interpreta Thomas Wayne
  • Brette Taylor interpreta Martha Wayne
  • Clare Foley interpreta Ivy Pepper
  • Victor Cruz interpreta il sergente Desk
  • Jon Beavers interpreta il Cabarettista
  • Robert Jimenez interpreta Raoul
  • Roberto Lopez interpreta l'Accolito #1
  • Jeremy Sample interpreta l'Accolito #2
  • Ruy Iskander interpreta il Cameriere di Mooney
  • Polly Lee interpreta Alice Pepper
  • Geoffrey Murphy interpreta Poliziotto al GCPD
  • Danny Schoch interpreta il Criminale Mascherato
  • Roberta Colindrez interpreta Detective al GCPD
  • Justin Michael Carter interpreta Poliziotto

Curiosità[]

  • La versione di Alfred Pennyworth usata per Gotham è ispirata a quella di Batman: Earth One.

  • Bullock dice a Gordon di incontrarsi alla "Fourth and Grundy" riferimento al villain dei fumetti Solomon Grundy.

  • La finestra nell'attico di Barbara è in realtà il quadrante di un orologio, come nella base operativa di Barbara Gordon nei fumetti.

  • Il cabarettista fallito senza nome che si esibisce al Nightclub di Mooney potrebbe essere un riferimento a una delle possibili origini del Joker, come quella in The Killing Joke, nel quale viene mostrato come un comico fallito.

  • Questa puntata è l'unica premiere di una stagione in cui è assente Jessica Lucas (Tabitha Galavan).

Advertisement